Descrizione

Una nuova edizione della Settimana darziana a Reggio Emilia: sulle tracce dello scrittore Ezio Comparoni (ormai noto dopo anni di oblio con lo pseudonimo che lui stesso aveva scelto di Silvio D'Arzo e riconosciuto come importante apporto letterario alla storia del Novecento italiano), due appuntamenti per riaprire dialoghi e approfondimenti su un tessuto ricco di sfumature e spunti per la ricerca. Dopo le varie edizioni dalla prima "Settima darziana" nel 2012 organizzata dall'Associazione Per D'Arzo in collaborazione con la casa editrice Consulta librieprogetti (in cui si presentò il libro di Arrigo Benedetti "Paura all'alba" nella collana Dall'Appennino al Po), e a pochi mesi dall'apertura dell'importante fondo ospitato dalla Biblioteca Panizzi dedicato al lascito darziano, due giornate in cui confrontarsi su un ciclo di ricerche che riguarda l’intera produzione dello scrittore reggiano, ponendo a disposizione un ampio ventaglio di ipotesi critico-esegetiche. Ma non solo: ricordando la figura di Luciano Serra, amico di Silvio D'Arzo nonchè suo principale studioso e conoscitore, una lettura in chiave poetica di alcuni suoi inediti, tra cui una bellissima dedica a un angolo della città di Reggio Emilia tanto cara ai suoi abitanti.
I due appuntamenti previsti per la settimana darziana 2019, che avranno luogo nel Planisfero della Biblioteca Panizzi di Reggio Emilia, sono il mercoledì 30 gennaio e il venerdì 8 febbraio (alle ore 17.30).
30 gennaio
- Conclusione del Premio letterario dedicato a Silvio D'Arzo.
Proclamazione dei risultati e bando della quinta edizione.
Interviene Paolo Briganti, presidente della giuria.
- "La parabola letteraria di Silvio D’Arzo", di Giovanni Zanichelli.
Interventi di Giuseppe Ligabue e dell’autore.
- "Silvio D’Arzo. Appunti per una biografia", con l'autore, Carlo Pellacani, e letture di Argante Studio.
8 febbraio
- "Luciano Serra, poesie. Inediti e prime stesure". Interviene Giorgio Vioni, autore del nuovo volume della collana "allaluna", presentata da Elisa Pellacani (per Consulta librieprogetti).
Letture di Auro Franzoni.
Alla fisarmonica, il maestro Paolo Gandolfi.
Il ricordo di un’amicizia che ha unito Vioni al poeta reggiano in anni di docenza al Liceo Magistrale “Matilde di Canossa” ma anche l'occasione per rivivere e capire alcuni affascinanti passi dello scrivere poetico - anche il lingua dialettale - di Serra.
Si aprono le danze delle celebrazioni ufficiali del centenario darziano, ma ancor prima che questo, un invito all'approfondimento di sentieri letterari ancora non battuti; e, per chi ancora non ne avesse sentito il richiamo, l'opportunità di perdersi nella loro bellezza.

 

Social Networks
L'evento parte tra
  • 00

    Giorni
  • 00

    Ore
  • 00

    Minuti
Contattaci

mood_bad
  • Nessun commento ancora.
  • chat
    Aggiungi una recensione